È arrivata l’ora di iniziare a svelare alcune delle carte della nuova stagione calcistica ed il Bari dei De Laurentiis decide di farlo mostrando in esclusiva, nella mattinata di ieri a mezzogiorno, le nuove magliette che accompagneranno i biancorossi durante l’intero campionato.

Così, nella sala stampa “Gianluca Guido” dello stadio San Nicola hanno avuto modo di esprimere e di parlare dei propri progetti il presidente Luigi De Laurentiis, il presidente Erreà Angelo Gandolfi e Pasquale e Beniamino Casillo, del gruppo Casillo.

“Oggi presentiamo il nuovo kit gara del Bari ed io sono molto felice per l’arrivo di Angelo Gandolfi; un imprenditore di una famiglia come la nostra che ha creduto nel progetto.”

Parentesi sulla famiglia Casillo, fiore all’occhiello Nazionale ed Internazionale, che rimarrà al fianco dei biancorossi anche in questa stagione, sulla MV Line e su GoUP; sponsor consolidati nel panorama calcistico locale.

Senza troppi indugi, quel che i numerosissimi tifosi sintonizzati aspettavano di vedere ed ascoltare, non riguardava tanto la presentazione delle maglie o il dovuto richiamo e ringraziamento agli sponsor, bensì le argomentazioni inerenti alla programmazione che la società ha in mente di attuare.

Inoltre, non si può fare a meno di notare il netto cambio di approccio alla sala stampa di LDL, che ha lasciato alle spalle il suo essere distaccato e glaciale per cedere il passo ad un approccio più vicino ai suoi interlocutori.

Manovra di marketing? O tecnica di psicologia inversa per tentare di ricucire il più possibile il rapporto, deteriorato, con la piazza?

“Stamattina c’è stata l’ennesima riunione. Stiamo cercando di accelerare per l’arrivo di tre quattro giocatori a seconda dell’accelerata che stiamo attuando.

Vogliamo dare al mister giocatori in più per un ritiro concreto.”

Da parte di De Laurentiis, parentesi critica sulle cifre, definite folli, che stanno girando sull’attuale mercato, paragonabili, sempre a suo dire, a quelle della massima serie.

Non poteva che richiedere menzione, la dichiarazione dell’ex DS biancorosso Ciro Polito, che si è autodefinito, nella conferenza stampa di presentazione a Catanzaro, artefice della salvezza del Bari.

“Durante l’ultima conferenza, solo ad alcuni di voi ho raccontato dei miei tre anni con Ciro Polito perché volevo si scrivesse del nostro rapporto.

Io avrei rifirmato il contratto di Ciro Polito, tre anni fa, altre cento volte nonostante le nostre strade si siano fisiologicamente separate.”

Parole di stima e di rispetto in primis, quelle del presidente biancorosso, verso l’oramai “ei fu” Ciro Polito, che non ha mai perso e mai perderà occasione per riportare le luci della scena sulla sua oramai ombra nel capoluogo pugliese.

“Dopo aver vissuto un anno così difficile, Ciro ha cercato di celebrarsi trovando un po’ di sua identità.

Io credo che a priori sia stato un lavoro di gruppo, ma nelle sue frasi non vedo nulla di offensivo.”

Nonostante ciò, la differenza velata che risiede fra passato e presente della dirigenza sportiva risiede nelle caratteristiche base di Magalini, definito dal presidente come un professionista sereno e non egocentrico.

Circa gli investimenti da effettuare, la risposta vede il richiamo ai limitati fondi concessi dalla lega ed alle scelte che effettueranno i due cacciatori di nuovi talenti: il DS Magalini e Valerio Di Cesare.

Per quel che riguarda la gaffe effettuata nella scorsa conferenza riguardante la mancata citazione della squadra di Giampaolo, De Laurentiis è corso ai ripari ringraziando i protagonisti della fase finale della stagione per quanto fatto e per aver riportato la barca al porto nonostante tutte le avversità e difficoltà.

“La Primavera passerà a Vito Di Bari, un ulteriore cambio per premiare sulla sua ascesa.

Giampaolo? Non so se continuerà ancora con noi ma la mia stima c’è.”

Si è corsi ai ripari anche con lo scarno addio al calcio di Valerio Di Cesare nella partita d’andata dei playout contro la Ternana.

I baresi potranno celebrare, si spera in grande stile, un dignitoso e riconoscente addio al calcio dell’ex capitano biancorosso durante un’amichevole, con avversario top secret, che si disputerà il 31 luglio.

Indizi? Si parlerebbe di un avversario di importanza Internazionale, chissà…

Claudia Santoro

Foto: SSC Bari

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *