1 min read

Firenze: riaprono al pubblico gli Uffizi con 129 opere inedite

FIRENZE – Riaprono al pubblico gli Uffizi dopo una lunga chiusura dovuta alle restrizioni anti-Covid, ma con delle novità: 14 nuove sale e circa 129 dipinti inediti per attirare sempre nuovi visitatori.

Chi approderà nelle Gallerie fiorentine potrà usufruire di nuovi strumenti per facilitare il proprio ingresso e godere delle opere esposte attraversando il nuovo ingresso spostato verso l’Arno, una nuova biglietteria e spazi di accoglienza più ampi.

Tra i dipinti esposti trovano ora spazio i capolavori di Rosso Fiorentino e Daniele da Volterra, insieme agli autoritratti del Guttuso e del Bernini.

Nonostante il grande evento culturale, a scatenare la polemica è stata la nuova politica del museo che vieta di fare foto e video se non per uso personale. Non si potranno pubblicare le opere sui social se non a seguito del pagamento di un canone mensile.

La Galleria degli Uffizi, museo statale fiorentino, costituisce per quantità e qualità delle opere raccolte uno dei più importanti musei del mondo sin dal 1901 quando la Direzione Generale delle Antichità e Belle Arti lo identifica quale edificio monumentale da considerare patrimonio artistico nazionale.

Tra le innumerevoli sale si conserva la più cospicua collezione esistente di Raffaello e Botticelli, oltre a nuclei principali di opere di Giotto, Tiziano, Pontormo, Bronzino, Andrea del Sarto, Caravaggio, Dürer, Rubens, Leonardo da Vinci. Il nucleo fondamentale della collezione è quello introdotto dai Medici in pieno Rinascimento, arricchito poi nei secoli da lasciti, scambi e donazioni. Non solo opere rinascimentali campeggiano nel museo, ma di grande pregio sono anche la collezione di statuaria antica e soprattutto quella dei disegni e delle stampe.

Secondo i dati 2019 del MiC (ex Mibact), il museo ha registrato 4.391.861 visitatori provenienti da tutto il mondo.

(A cura di Federica Calabrese)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *