Bari-Lecco 3-1: buona la prima per Iachini ma la contestazione continua
4 mins read

Bari-Lecco 3-1: buona la prima per Iachini ma la contestazione continua

Partita generosa di gol quella disputatasi allo Stadio San Nicola tra Bari e Lecco nella 24^giornata del campionato di Serie BKT.

L’era Iachini inizia nel migliore dei modi sia per il risultato ottenuto che per l’approccio alla partita dei biancorossi ancora in fase di guarigione dalle ferite delle precedenti partite.

Il cambio di regia ha sortito l’effetto sperato facendo guadagnare alla squadra tre importantissimi punti che consentono al Bari di salire a quota 30 punti nella classifica di Serie B al fianco di Pisa e Reggiana, a meno tre punti dalla zona playoff.

A segno nel corso del match Benali al 26’; nella ripresa Puscas al 52’, Sibilli al 68’ ed infine Novakovich     all’ 81’.

Il Lecco di Bonazzoli poco osa e poco realizza nel corso del match, gettando la spugna da metà primo tempo in poi.

Dura la contestazione alla società da parte del tifo organizzato durante tutto lo svolgimento del match a suon di cori e tramite uno striscione affisso in curva nord.

 

Il primo tempo mette in luce un Bari in rodaggio, che usufruisce degli iniziali minuti di gioco per prendere le misure del campo e dell’avversario seguendo le linee guida di un buon maestro quale è Beppe Iachini.

Sibilli e Menez tentano in più occasioni di svoltare le sorti della partita già dai primi dieci minuti di gioco tramite una punizione, del primo, battuta direttamente sul portiere Melgrati e deviata con i pugni da quest’ultimo ed un tiro su cross di Dorval, del secondo.

I blucelesti a loro volta provano un tiro con Crociata al 12’ su passaggio da sinistra di Ierardi, ma la conclusione termina sul fondo.

Ancora Buso tenta pochi minuti dopo un tiro alto sulla traversa che non crea sgomento al portiere brasiliano Brenno.

La scintilla di questo primo tempo è il gol di Ahmad Benali al 26’ su tiro di Sibilli: il numero 8 del Bari tira di esterno sull’angolo alto della porta dando prova di una sua effettiva crescita sotto ogni punto di vista, peraltro già constatata nel corso delle precedenti gare.

Il biancorosso ha dichiarato: “Iachini non ci ha dato degli obiettivi ma tramite video, doppi allenamenti ci ha trasmesso il suo modo di giocare e noi proveremo a metterlo in atto. Già oggi si è visto nella partita contro il Lecco.”

I successivi quarantacinque minuti di gioco procedono in discesa per i galletti che introducono tutta la loro voglia di rivalsa dopo un periodo buio.

Arriva il gol di George Puscas al 52’ della ripresa su palla inattiva; un risultato che si spera possa essere di buon auspicio per la new entry biancorossa che stenta ancora ad amalgamarsi a pieno con il resto della squadra.

Dieci minuti dopo entra in campo, dopo mesi di assenza a causa dell’infortunio avuto, Raffaele Maiello; con lui il Bari recupera un altro punto saldo della squadra.

Al 63’ il San Nicola accoglie con sgomento la “brennata” del match.

Il portiere biancorosso prende con le mani un cambio gioco sbagliato di Menez: punizione regalata al Lecco che sbaglia il tiro.

Gol meritatissimo per Peppe Sibilli al 68’ su cross di Dorval che, con il suo tipo modus operandi, serve la palla sulla testa del compagno di squadra consentendogli di realizzare il 3-0.

Il Lecco nonostante i cambi effettuati da Bonazzoli subisce passivamente il pressing biancorosso, ad eccezion fatta per la punizione battuta da Lepore all’81’ che concede a Novakovich la possibilità di anticipare Brenno e segnare il gol del 3 a 1.

L’infortunio alla caviglia sinistra di Sibilli porta i galletti a concludere i minuti finali di gioco in dieci, in quanto mister Iachini aveva terminato i cambi.

Il vero vincitore di questa partita è Iachini, non solo per il risultato ottenuto ma per via della passione con la quale ha gestito novanta minuti di partita.

In pochi giorni di allenamento la squadra ha dimostrato di aver in campo, per la prima volta dopo molto tempo, una costanza da inizio a fine partita.

Di certo non si potevano pretendere i miracoli, ma il cambio di rotta parrebbe esserci stato

A fine partita Iachini ha dichiarato: “Ci vuole tempo ma stanno capendo il mio tipo di gioco compatto, aggressivo. Abbiamo margine di crescita nonostante qualche errore.

L’atmosfera del San Nicola è bella peccato qualche contestazione ma lavoreremo su questo per far si che torni il sereno fra noi ed i tifosi. Vorremmo portare entusiasmo.”

Testa al prossimo appuntamento casalingo contro la Feralpisalò sabato 17 febbraio alle ore 14:00 allo Stadio San Nicola.

Claudia Santoro

Foto: SSC Bari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *