2 mins read

Bari, quattro calci al disfattismo. Poker al San Nicola, battuto il Monterosi (4-0) 

Botta e Cheddira i trascinatori, Di Gennaro subito lampi di classe.
 Il Bari vince e convince. Quattro gol ad un buon Monterosi ed i biancorossi ottengono la prima vittoria in campionato. Sul tabellino dei marcatori vanno a segno Di Cesare, Cheddira e due calci di rigore, trasformati da Antenucci e Simeri
Le formazioni
Rispetto a Potenza, per la prima al San Nicola, sono tre i cambi nell’undici titolare: subito Terranova al centro della difesa, l’argentino Botta trequartista e Cheddira in attacco con Antenucci.
Il Monterosi di mister D’Antoni si schiera con il 3-5-2 con in attacco l’ex Costantino.
La partita
Una bella giornata di sole accoglie le squadre alle 17:30 per la seconda giornata di campionato. Padroni di casa in completo bianco, maglia nera per i laziali.
L’avvio di gara è aggressivo da parte dei pugliesi, decisi a conquistare, sin da subito, l’intera posta in palio.
Al 14’ clamorosa palla gol per il Bari: Cheddira va via sul filo del fuori gioco, entra in area di rigore per il solo D’Errico, ma l’appoggio è troppo forte e sfuma una clamorosa occasione per il vantaggio.
Gli ospiti, senza troppi timori reverenziali, provano a rendersi pericolosi sfruttando le ripartenze. Proprio con l’ex Costantino arriva al 27’ una chance in contropiede, non sfruttata dal numero novanta. Al 42’ i “galletti” passano in vantaggio: su corner di Botta, capitan Di Cesare anticipa tutti e, di piatto al volo, gonfia la rete.
Il primo tempo si conclude 1-0 dopo un minuto di recupero.
Nel secondo tempo, i ragazzi di mister Mignani si scatenano: al 9’ il raddoppio con Cheddira che sfrutta l’assist di Botta e tre minuti più tardi chiudono il match con Antenucci che trasforma un calcio di rigore per fallo di Buglio su D’Errico.
Entrano Di Gennaro e Simeri, il numero nove al 37’ fa poker nuovamente dal penalty.
Dopo tre minuti di recupero, il triplice fischio.
Bari – Monterosi 4-0. Domenica prossima, trasferta a Picerno ( 20:30)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *