1 min read

Omaggio a Gigi Proietti

Gigi Proietti
Ch’er granne Gaiardo sei stato
bòno a farce ride cò allegria
Commoverci infino all’osso.
Tòmo-tomo anco co la morte
Cò schiccheria e guasi quièto
Quarmente avè ditto te ne sei annato
Er medèmo giorno dacchè sei nato.
Senza dà fastidio anco in sepportura,
Sbisbijanno pe nò disturbà
“ Drento o ffora la chiesa
‘Sta gente ammalloppata che ce sta a fa?,
Tanto sto sotto a l’arberi pizzuti.
Io sto de qua e voi de là
Che cce volemo fa?”.
De botto te sei arritrovato all’antro monno
Ficchino a sgamà er paradiso spalancato.
De riffe e de raffe tu da lassù stai a vardarce
A di “Io nun pòzzo capí ccom’e
Che ccosa sò cquell’anime llí a ssede”.
Spaparacchiato stà a allumà.
Tramente stai accosto a l’agnoletti
t’accorgi che tutti stanno ad aspettà
Pe’ cantà e farce cò te quattro Rrisate.
L’agnolo tuo fa capoccella,
Sta a sfaciolà e fermo a riposà l’ ali.
Su en arto a pizzo ar Padreterno
A beaccese ce sta Ggesucristo,
Trotta paré te vole abbraccicà.
Nun sei arincressciuto
Anzi vardandoci ce dai er conzijo
D’esse boni e darce na carmata
Chè magara un giorno ce aritroveremo.
Sciao Gigi.
2 novembre 2020
Giuseppe Femiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *