1 min read

I talebani e le loro fiorenti attività

Un generale americano descrisse in modo pittoresco la popolazione afgana: “Poveracci che dormono su materassi imbottiti di dollari ma non lo sanno”. La metafora rende perfettamente l’idea.
Quel Paese è ricchissimo: litio, talco, rame, ferro, gas, petrolio e persino oro. Straordinarie risorse utilizzate in modo scarso o approssimativo. Sempre così nelle terre generosamente premiate dalla natura ma prive del necessario know-how.
C’è da chiedersi: come è possibile che gli inglesi fino al 1901 poi i russi ed infine gli americani negli ultimi 20 anni, con tutto quel ben di Dio, non abbiano saputo creare crescita, benessere e libertà?
Poi un interrogativo molto più inquietante: come è possibile che in tutto questo tempo a fiorire siano stati solo i papaveri da oppio? Non è un segreto che il 90% della produzione mondiale di oppiacei ha origine proprio in Afghanistan.
I talebani avranno pure il pollice verdissimo, ma chi ha presidiato quei territori pertanto tempo, aveva una pessima acuità visiva.
(A cura di Federica Calabrese)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *