4 mins read

BARI-TARANTO: UN APPUNTAMENTO DISTANTE 30 ANNI

Come di consueto, ieri è stato trasmesso in diretta il programma E’ Barimania sulle sue pagine social, con la messa in onda della seconda puntata della nuova edizione, dagli studi di Media TV, in replica nella giornata odierna alle ore 22 sul canale Mediterranea TV (ch 698 in Puglia, 623 in Basilicata). Al fianco dei conduttori Beppe Magrone e Giancarla Manzari in studio vi erano ospiti del calibro di Pasquale Loseto, ex calciatore del Bari, Nani Campione, direttore del magazine La Vocebiancorossa e Pierfrancesco Romanelli, ex pallanuotista ed ex membro della giunta del CONI. Tanti i temi analizzati in studio, a partire dall’ultimo match disputato dal Bari al Partenio di Avellino fino ad arrivare all’ormai imminente derby della Puglia contro il Taranto. Il dibattito parte ricollegandosi all’ultima gara giocata dai biancorossi, così commentata da Loseto: “E’ stata una partita giocata più sull’uomo che sulla palla, contraddistinta dai tanti gesti indisciplinari dei padroni di casa, i quali hanno giocato per far male, al contrario nostro che provavamo sempre a recuperare il pallone in modo giusto; a questo argomento si ricollega anche Campione: “Mi vien da dire che è stata più una partita di calci che di calcio, ma il Bari ha retto, cosa non scontata dopo quanto dimostrato nelle scorse stagioni, ed è un ottimo segnale in vista del derby, ovvero la tipica partita maschia ed aggressiva. Romanelli, invece, pone la lente d’ingrandimento sullo spirito di gruppo messo in mostra dal Bari: “Si notano la forza e lo spirito di gruppo della squadra, i ragazzi sono uniti, tornando invece sugli episodi arbitrali aggiunge: “L’arbitro non ha mai avuto il controllo della partita sin dai primi minuti, ma credo che la società lo farà notare a chi di dovere e si farà sentire; a ciò si ricollega anche Nani Campione, che incentra il suo discorso sul pareggio dell’Avellino: “Il pareggio allo scadere è una brutta beffa, ma in questo caso le colpe vanno assegnate al guardalinee che si è completamente perso l’evidente fuorigioco di Kanoute”. Non poteva mancare un appunto sull’uomo del momento in casa biancorossa, Mirco Antenucci, così commentato da Loseto: “Antenucci è un attaccante difficile da marcare, si muove tanto per la squadra e fornisce le giuste linee di passaggio, se fosse per me lo farei giocare sempre, può creare la giocata decisiva in qualunque momento della gara”. Nella seconda parte della trasmissione si pone l’accento sull’ormai vicinissimo derby tra Bari e Taranto, anche grazie all’intervento in collegamento di Enrico Losito, giornalista di Teleregione vicino all’ambiente tarantino; questo il suo pensiero: “E’ un derby che manca dal 1992 (3-1 per il Bari ndr), in città si respira ansia e fermento, il Taranto venderà cara la pelle dato che lo scontro è una sorta di Davide contro Golia, considerando la differenza delle due rose, i tanti infortuni in casa Taranto e il momento poco positivo che sta vivendo la squadra; è davvero un peccato che sia stata negata la trasferta ai tarantini, il derby manca da più di trent’anni, un’intera generazione non lo ha mai potuto vedere, in più il San Nicola è uno dei migliori impianti e sarebbe stata possibile la corretta distribuzione, che peccato”. Pensiero totalmente condiviso anche dagli ospiti in studio, che in coro affermano: “Non è mai facile negare una trasferta, ci saranno delle motivazioni che a noi sfuggono”, o ancora “Speriamo sia una delle ultime trasferte negate, questa è una sconfitta per lo sport. In chiusura un aneddoto riguardante Pasquale Loseto e il primo derby disputato: “Ho giocato il primo derby nel 1965 e abbiamo vinto per 2-1, è stato bellissimo entrare allo stadio e guardare i 30mila tifosi sugli spalti o girarmi verso la tribuna e incrociare lo sguardo dei miei genitori, sono state delle emozioni davvero forti”.

Questa è solo una piccola parte dei contenuti analizzati e messi a disposizione da E’ Barimania, in replica questa sera su Mediterranea TV, prossima settimana un nuovo appuntamento, con nuovi ospiti e tanti temi su cui discutere e argomentare, come sempre con un unico nucleo centale…il Bari.

A cura di Maurizio Ladisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *