5 mins read

Review “Fever of Bari” Lunedi 20 Aprile 2021 Il resoconto della puntata del programma condotto da Marcello Mancino

Puntata, come sempre, ricca di temi e spunti quella andata in onda ieri sera nel corso della trasmissione calcistica FOB – Fever of Bari in onda sulle frequenze di Media TV, ideata e condotta dal giornalista, nonché Direttore della redazione sportiva Mediasud.tv, Marcello Mancino.

Apertura dedicata al ricordo di Gianni Colajemma, attore e regista barese, morto per Covid-19 all’età di 62 anni.

Nella fase iniziale di “FOB – Fever of Bari”, un’ampia intervista ad Angelo Frappampina, ex calciatore del Bari dal 1974 al 1982.

L’ex difensore ha rievocato le emozioni provate durante la sua esperienza in Puglia.

? “Ricordo come se fosse ieri, il boato della folla del “Della Vittoria”, un’emozione indescrivibile. Se fossi stato nei panni di Cassano, sarei tornato a nuoto da Genova, giocare nella squadra della propria città è tutt’altra storia.”

Per l’intervista integrale a Frappampina, si rimanda alla lettura degli articoli completi sempre sul nostro sito Mediasud.tv

La trasmissione è, in seguito, proseguita con un vasto editoriale del nostro Direttore, il quale, partendo da un’accurata analisi della partita di Domenica tra Bari e Palermo (2-2), si è espresso in molteplici tematiche.

?“Ciò che resta impresso nella mente dei tifosi è, sicuramente, l’atteggiamento completamente sbagliato. La squadra, fino al 75’, è sembrata scarica e priva di mordente, non riuscendo a riscattare la scadente prestazione di Avellino.
Gli ingressi di Cianci e Mercurio hanno rivitalizzato la manovra offensiva biancorossa e hanno dato un contributo provvidenziale alla rimonta. Non esente da colpe l’allenatore dei rosanero Filippi, inferiorità numerica dei suoi a seguito di una scellerata gestione degli slot.”

Questione “baresità”:

? “Noi baresi siamo croce e delizia, in quanto, prima li cerchiamo e ,ingiustificabilmente, ce ne disfiamo. Questo è un discorso che si estende su molti fronti, non limitato al calcio. Rinnovo la mia fiducia nei confronti di Mercurio e Cianci; quest’ultimo, nelle ultime settimane, è stato criticato da alcuni tifosi e mi sembra ingiusto per un ragazzo che sta passando guai fisici da mesi e, nonostante ciò, sta stringendo i denti per amore della maglia. Stiamogli vicino e non ripetiamo gli errori del passato.”

La novità che ha scosso l’ambiente barese nelle ultime ore è, di certo, l’esonero di Carrera.

? “A mio parere, è stata la scelta giusta. Carrera ha fallito in una maniera clamorosa a Bari, si fa fatica a riconoscergli qualcosa di positivo. Dopo la debacle di Avellino, mi sarei aspettato le dimissioni e con questo gesto avrebbe acquisito credibilità da parte della gente.”

Il Direttore ha evidenziato gli atteggiamenti di alcuni componenti della squadra, nel corso dell’ultima sfida dei “galletti”:

? “Mi piacerebbe esaltare la prestazione di Perrotta, encomiabile in termini di grinta e forza di volontà. La sua marcatura è il coronamento di un inserimento in area con i tempi giusti ed ha colpito la palla con la veemenza necessaria. Marras, nonostante molti errori, non si risparmia mai correndo dal primo all’ultimo minuto.

Il comportamento di Antenucci, invece, non è assolutamente accettabile. Pur apprezzandone le doti tecniche, lo vedo molto sfiduciato e fuori dal progetto Bari. Se non è in condizione, mi sembra corretto che si accomodi in panchina.
Gli ultimi 15’, nonostante tutto, sono stati altamente esaltanti, bisogna ripartire da lì.”

Si è discusso degli errori principali della gestione De Laurentiis.

? “Quando siamo ripartiti della Serie D, abbiamo distrutto il precedente settore giovanile che rappresentava un vero e proprio patrimonio. Molti ragazzi sono finiti a Lecce e ciò non è ammissibile. Il secondo errore è la non conferma di Giovanni Loseto che rappresenta un’istituzione della nostra città.”

Nella parte finale, gli spettatori di “FOB – Fever of Bari” sono stati catturato con la presenza, a sorpresa, di Leonardo Gaudio. Il giornalista di “Tuttosport”, ha commentato l’esonero di Massimo Carrera e le reazioni della gente. Intende rassicurare, infine, la tifoseria sull’impegno della squadra nell’arco dei playoff.

? “Mesi fa, molti tifosi hanno gridato all’esonero di Auteri, Domenica volevano cacciare Carrera e adesso si dicono dispiaciuti. I baresi sanno essere fortemente contraddittori. Io non me l’aspettavo l’esonero a due giornate dalla fine, sinceramente.”
? “Secondo alcune fonti, da me ascoltate ed assolutamente attendibili, sono abbastanza certo che sia la società che i giocatori credano ciecamente nella promozione in B. Giocheranno con ferocia e mostreranno un impegno coerente, senza lasciarsi influenzare da quella che sarà la posizione di classifica, al termine della regular season. Bisogna, a tutti i modi, ricompattare l’ambiente per un comune obiettivo, un altro anno di C sarebbe deleterio, in egual modo, per la tifoseria e la famiglia De Laurentiis. Smentisco categoricamente una frattura all’interno dello spogliatoio.”

Servizio a cura della redazione sportiva di Mediasud.Tv

– Pierpaolo Schirone –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *