2 mins read

Un bel Bisceglie sfiora l’impresa con l’Avellino: palo nel finale colpito da Cittadino, è 1-1 al “Ventura”.

Questa sera al “Ventura” il Bisceglie è andato vicinissimo al ritorno alla vittoria, nella prima partita del neo tecnico Aldo Papagni, andando in vantaggio contro l’Avellino, terzo in classifica e voglioso di raggiungere la seconda posizione occupata dal Bari di Auteri (che ha perso altri due punti quest’oggi contro la Cavese al ‘San Nicola’).

Gli ospiti partono subito forte attaccando a pieno organico e tentando di fare la partita ma i padroni di casa resistono senza nessuna sbavatura. I ritmi della partita risultano essere abbastanza bassi con le due compagini che si occupano esclusivamente di studiarsi, per poter trovare il guizzo vincente. La squadra di Braglia nei primi minuti sembra essere più concentrata nel tentativo di fare risultato ma è il Bisceglie a trovare la rete del vantaggio: ottima giocata di Romizi che conquista il primo calcio d’angolo della partita, sugli sviluppi di quest’ultimo Cittadino effettua un preciso cross che viene sfruttato alla perfezione da Cecconi, il quale, con un preciso colpo di testa, insacca il pallone alle spalle del portiere ospite Forte al 34′.

Al 44′ ancora i nerazzurri vicinissimi al raddoppio: Cecconi, l’autore del vantaggio biscegliese, quasi sorprende l’estremo difensore dell’Avellino con un gran tiro da circa 40 metri, quest’ultimo si rifugia in angolo.

Nel secondo tempo gli ospiti cercano insistentemente il gol del pareggio, che arriva al 50′: è Carriero che, con un’azione personale, effettua un tiro dal limite dell’area e realizza l’1-1.

Al 59′ ancora Avellino pericoloso sugli sviluppi di un calcio di punizione: sul cross di Tito, Bernardotto prova a controllare il pallone in area ma i difensori di casa sventano la minaccia.

All’81’ è il Bisceglie a sfiorare il gol del 2-1 con un palo clamoroso colpito da Andrea Cittadino con una precisa esecuzione a portiere battuto: che sfortuna per la squadra di Papagni.

La partita termina in parità con i padroni di casa che recriminano ma, nel complesso, risultato giusto per quello che si è visto sul terreno di gioco, quel che è certo è che il Bisceglie sembra essere sulla strada giusta per poter lottare per la salvezza.

 

BISCEGLIE-AVELLINO 1-1
Bisceglie (3-5-2): 1 Russo, 3 Giron, 4 De Marino, 6 Vona, 8 Cittadino, 9 Cecconi (dal 61° 18 Musso), 20 Romizi, 23 Maimone (dall’82° 13 Zagaria), 24 Sartore (dal 69° 11 Rocco), 25 Tazza (dal 61° 5 Priola), 26 Altobello. Allenatore: Aldo Papagni. A disposizione: 22 Spurio, 7 Mansour, 10 Padulano, 14 Makota, 15 Ferrante, 19 Vitale, 21 Casella, 27 Bassano.
Avellino (3-5-2): 22 Forte, 7 Bernardotto, 9 Santaniello (dal 72° 11 Fella), 10 De Francesco, 13 Dossena, 17 Adamo (dal 72° 15 Rocchi), 21 Carriero (dal 65° 4 Aloi), 23 Ciancio, 27 D’Angelo (dal 46° 33 Baraye), 28 Luigi Silvestri, 31 Illanes (dal 46° 3 Tito). Allenatore: Braglia. A disposizione: 1 Pane, 2 Rizzo, 8 Marco Silvestri, 19 Maniero.
Arbitro: Francesco Luciani di Roma.
Assistenti: Francesco Cortese di Palermo, Lorenzo Poma di Trapani.
Quarto ufficiale: Mattia Pascarella di Nocera Inferiore (Salerno).
Reti: 34° Cecconi, 50° Bernardotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *